Anatocismo mutuo: cosa sapere

Con il termine anatocismo si fa riferimento a quegli interessi calcolati indebitamente su altri interessi. Da un punto di vista etimologico anatocismo ha origini greche ed è una crasi di due parole: “anà”, che significa “nuovo” e “tokòs” che significa “interesse”. Per l’appunto, un nuovo interesse.

Cos’è l’anatocismo sul mutuo e come si manifesta?

L’anatocismo è praticamente l’applicazione degli interessi su altri interessi già calcolati sulla rata di un mutuo pagata in ritardo. Tale ricalcolo maggiorato degli interessi si verifica solitamente a cadenza periodica, anche nel momento in cui il mutuatario non paga le rate oppure se le paga parzialmente. Questa operazione viene chiamata anche capitalizzazione degli interessi.

È opportuno chiarire una cosa: se il debitore non paga una rata, la banca può applicare degli interessi di mora, ma la rata da pagare comprende non solo una parte del capitale da rimborsare, ma anche gli interessi, ed è in motivo per il quale l’anatocismo si verifica.

Cosa dice la legge sul calcolo dell’anatocismo sul mutuo?

Le banche non possono applicare all’importo di ogni rata la somma degli interessi dovuti e, su questi, calcolare ulteriori spese. Il capitale crescerebbe infatti in modo esponenziale, determinando una spesa aggiuntiva continua che grava indebitamente sulle spalle del debitore.

In questi casi è opportuno richiedere la perizia sull’anatocismo sul mutuo, che potrebbe configurarsi addirittura come usura.

Articoli simili