Il Tribunale cancella 396.680,91 euro di debiti per nullità dei contratti con la banca

Il Tribunale cancella 396.680,91 euro di debiti per nullità dei contratti con la banca

La II Sezione Civile del Tribunale di Napoli,  ha sanzionato con la nullità i contratti di conto corrente  e di apertura di credito (affidamento) anche se sottoscritti dal cliente qualora non siano stati sottoscritti  anche dalla banca.

Nella sentenza 14434 del 1 settembre 2017, in commento, il giudice di primo grado richiama la sentenza della suprema corte numero 8395 del 2016, affermando che “la forma scritta quando il contratto è stato sottoscritta da entrambe le parti. Ai sensi dell’articolo 117 TUB, dunque,  I contratti relativi ai conti correnti per cui è causa, sottoscritti solo dalla società correntista, sono nulli; pertanto il saldo dei due rapporti va ricalcolato escludendo tutti gli addebiti effettuati dalla banca in corso di rapporto”.

Dunque, il Tribunale fa conseguire alla nullità dei contratti, la nullità degli addebiti posti in essere dalla banca, con ciò dichiarando illegittime tutte le somme calcolate per interessi passivi, commissione di massimo scoperto, commissioni sugli affidamenti, spese, ed ogni altro onere connesso all’erogazione del credito. Tanto ha comportato l’abbattimento della esposizione debitoria, che è passata down dare di euro 396.680,91 ad euro 16.077,71.

Altro punto importante nella pronuncia in commento è che “neanche il riconoscimento di debito operata dalla società correntista e dei due garanti nei confronti della banca con lettera […] muta la situazione”.

Dunque, anche gli atti successivi ai contratti non sono idonee a sanare la mancanza di sottoscrizione da parte della banca per cui contratto è stato ritenuto nullo.

Infine, il giudice ha ritenuto che “la nullità del rapporto obbligatorio viene rilevata d’ufficio,  respingendo in tal maniera le eccezioni formulate dall’istituto di credito in ordine alla tardività della contestazione, in ordine alla mancanza di sottoscrizione dei contratti da parte della banca  medesima, formulata solo in sede di CTU dal Consulente Tecnico di Parte della società attrice Dott. Francesco Leo dello studio Kipling.

 

Visualizza la sentenza (PDF)

Siete esposti nei confronti della banca e non siete sicuri della regolarità del contratto bancario sottoscritto? Contattateci per eseguire una preanalisi gratuita dei vostri rapporti bancari.

Tags:


Consulenza gratuita